Acqua

43 mln


m3 acqua prelevata

1.695


km di reti gestite

37 mila


analisi sulla qualità dell’acqua

314 mila


abitanti serviti

Ogni giorno il Gruppo è impegnato nel garantire acqua potabile, sicura e di qualità ai cittadini dei territori delle province di Como e Varese tramite la società Lereti. La qualità dell’acqua che viene portata nelle case è verificata grazie al lavoro del laboratorio di analisi che la monitora in tutte le fasi del ciclo idrico.
Acsm Agam negli ultimi anni ha rafforzato il suo impegno nell’attuazione e promozione di iniziative di gestione sostenibile della risorsa idrica, riconoscendo il valore delle risorse naturali e sviluppando processi di produzione orientati alla riduzione del consumo idrico, anche tramite soluzioni smart e innovative.

_Cosa facciamo

L’approvvigionamento idrico avviene tramite impianti che prelevano da fonte profonda (pozzi) oppure superficiale (lago di Como).

Acquedotto della Valle della Bevera
La Valle della Bevera è un luogo importante per il rifornimento di acqua per la città di Varese. Qui ci sono cinque sorgenti e sei pozzi che permettono all’acquedotto cittadino di prelevare fino al 50% del suo fabbisogno idrico complessivo.
Per scoprire di più clicca qui

Acquedotto di Luvinate
La centrale di Luvinate capta acqua dalle sorgenti del massiccio del Campo dei Fiori, la montagna che sovrasta a nord la città di Varese. È stata costruita negli anni ‘30 e oggi è la seconda fonte di approvvigionamento idrico della città. Serve anche i Comuni di Luvinate e Casciago. Per scoprire di più clicca qui

Nel 2020 il prelievo idrico è stato pari a 42.182 megalitri di acqua, di cui circa il 49,2% proveniente da acque superficiali, il 48,2% da acque sotterranee e il 2,6% da acqua proveniente da parti terze.

97

pozzi e 189 sorgenti

42,9mln m3

la capacità di prelievo annua degli impianti

43 mln m3

l’acqua prelevata nel 2020

Prima della distribuzione ai consumatori, tutta l’acqua segue un processo di potabilizzazione.

Impianto potabilizzazione Baradello
L’impianto interamente realizzato in una caverna dentro il monte Baradello, tratta la quasi totalità dell’acqua per usi civili distribuita nella città di Como. La localizzazione in caverna garantisce un’elevata protezione dai rischi di accesso indesiderato all’impianto funzionante in modo completamente automatico. L’impianto non richiede infatti la presenza di personale per la conduzione, ma è sorvegliato a distanza mediante un sistema di telecontrollo.
Per scoprire di più clicca qui

20

impianti di potabilizzazione

20,6mln m3

la capacità di potabilizzazione annua degli impianti

Tanti sono i progetti avviati e gestiti nel 2020 per efficientare la gestione delle reti di distribuzione, ridurre le perdite idriche e rilanciare l’impegno del Gruppo nella
gestione sostenibile della risorsa idrica, consapevole che il cambiamento climatico mette in serio pericolo le riserve di acqua dolce, compromettendo gli ecosistemi naturali, con conseguenze negative per la salute e la sicurezza dell’uomo.

1.695km

la lunghezza della rete gestita

28mln m3

l’acqua erogata nel 2020

Il quotidiano impegno del Gruppo Acsm Agam per garantire ogni giorno acqua potabile, sicura e di qualità è certificato da processi aziendali regolati da specifiche procedure e da continue analisi svolte dal Laboratorio analisi della società Lereti, che hanno l’obiettivo di assicurare la qualità del servizio idrico e della potabilità dell’acqua, controllando tutte le fasi che costituiscono il ciclo dell’acqua potabile (captazione, trattamento, distribuzione). A garanzia della qualità delle analisi effettuate, il Laboratorio è accreditato ISO 17025 per prove microbiologiche e per prove chimiche.

1.257

prelievi

99,4%

i campioni conformi sul totale dei campioni analizzati 2020

I canali di contatto rivolti ai clienti del servizio idrico sono molteplici, tra i principali:
• gli sportelli sui territori
• lo sportello online per consultare informazioni relative a profilo utente, estratto conto, letture e consumi e per richiedere o gestire servizi come disdette, variazione del recapito postale o autolettura del contatore
• numeri verdi, mail e forum online.

Tramite ciascuno è possibile attivare richieste di informazioni o di intervento specifiche, tra cui:
• la comunicazione dell’autolettura
• il pronto intervento per segnalare malfunzionamenti
• la segnalazione di reclami
• la gestione di piani di rateizzazione
• l’attivazione del servizio di conciliazione dell’autorità AREREA

Tra le iniziative rivolte agli utenti fragili si segnala il bonus idrico, una misura volta a ridurre la spesa per il servizio di acquedotto di una famiglia in condizione di disagio economico e sociale che consente di non pagare un quantitativo minimo di acqua a persona per anno, corrispondente al soddisfacimento dei bisogni essenziali.

37

Comuni serviti tra Como e Varese

314.000

abitanti serviti dall’acquedotto

1,86giorni

il tempo medio di attivazione della fornitura nel 2020